Notizie /

15 maggio 2020 - Ezio Bosso: in memoriam

15 maggio 2020

È una grande perdita per l’Italia dell’Arte, della Musica, della Cultura e, finanche, dell’educazione musicale, la morte improvvisa, ma purtroppo non inaspettata, del Maestro Ezio Bosso.

Pianista anti-accademico, compositore, direttore d’orchestra, appassionato divulgatore musicale, musicista entusiasta e generoso, Ezio Bosso ha rappresentato un modo “altro” di fare e intendere la musica.

Musicista classico e pop allo stesso tempo, Bosso ha contributo alla condivisione e diffusione della musica classica, la “musica forte” secondo una felicissima espressione di Quirino Principe, presso i pubblici più vasti e variegati.

Circondato dall’affetto di un pubblico che diveniva “popolo musicale” a ogni suo evento, Bosso ha incrociato per una stagione, troppo breve, anche la nostra “musicalissima” (ed è vero) città.

Concerti al “tutto esaurito”, gioia comune e condivisa, pulsanti aspettative a ogni suo evento, si manifestavano a ogni sua apparizione.

Ezio, della cui recente amicizia sono stato onorato, è stato acclamato ospite in occasione di un memorabile concerto mozartiano-rossiniano a Trieste nel maggio 2018, che l’Associazione Mozart Italia-sede di Trieste, con la sua Amadeus Adriatic Orchestra e il pianista Simone Sala, sotto la mia direzione, hanno tenuto alla Piccola Fenice, lui presente, beneaugurante e benedicente.

Due parole, poche osservazioni ai ragazzi dell’orchestra da parte del Maestro Bosso sono risultate definitive e fulminanti. La tessera di socio onorario, donata dal nostro Presidente Dario Marin, ha suggellato una relazione che travalica la vita.

Confido che la nuova dimensione dove Ezio ora vagherà, sia piena di musica, ricca di suoni belli e di incontri geniali.

Addio, Maestro!


Stefano Sacher e Associazione Mozart Italia-sede di Trieste.

Elia Macrì
Ezio Bosso
13 settembre 1971 - 15 maggio 2020